Viaggiare in Iran

INDICE:

  • L’Iran, un modo da scoprire
  • Quando andare
  • Formalità
  • Sistemazioni
  • Cucina

Monti Zagros

Azerbaijan persiano

Dune a Mesr

L’Iran, un mondo da scoprire

Il paese ora chiamato Iran, per lungo tempo conosciuto col nome di Persia, è un altopiano delimitato a nord dal Mar Caspio ed a sud dall’Oceano Indiano, contornato da catene di montagne e deserti. Nella storia la Persia è stata il luogo che ha collegato il lontano Oriente e l’Occidente, ha visto popoli migrare ed eserciti marciare sui suoi grandi altipiani: un’autostrada dei popoli, dove si sono incontrate le civiltà.

Il clima della Persia è peculiare come la sua posizione, meridionale come latitudine, ma fresco o freddo sulle sue alture sopra il mare. Il paese è dominato da picchi nevosi ed in gran parte dal deserto, ma dove i corsi d’acqua portano fertilità, prima di finire in laghi salati o svanire nella sabbia, offre oasi deliziose. È la terra delle rose e degli usignoli, dei profumi e delle canzoni e i suoi giardini hanno dato il nome al paradiso. Le oasi incantate spiegano tutto il lato voluttuoso della civiltà iranica, mentre le aride montagne hanno spinto a valle uomini di limpida morale e grandi virtù.

 

Uomo a Shiraz

Moschea a Isfahan

Donna ad Abyaneh

Quando andare

Le stagioni migliori per visitare l’altopiano iraniano sono la primavera e l’autunno, che offrono un clima secco continentale e soleggiato molto piacevole, leggermente più fresco nella capitale (le massime stagionali ad aprile e ottobre a Teheran indicano 25°C.) e più caldo nelle città più a sud (a Shiraz le massime stagionali indicano 28°C. e a Kerman 26°C.). Non è però da escludere anche un viaggio in terra di Persia in estate (ad esclusione dei deserti), quando le temperature massime non superano comunque i 35-38 gradi, o in inverno, quando il clima resta secco, con temperature simili a quelle degli inverni italiani.

Formalità

Per andare in Iran è necessario disporre di passaporto con validità di sei mesi al momento dell’ingresso nel Paese e di un visto. Le formalità inerenti il visto d’ingresso, che è obbligatorio, vengono eseguite con l’assistenza di Amitaba; è necessario inviarci copia digitale del passaporto almeno 40 giorni prima della partenza, corredato di un apposito modulo compilato, per poter richiedere l’autorizzazione all’emissione al Ministero degli Esteri iraniano; successivamente è necessario recarsi al Consolato Iraniano a Milano o Roma oppure optare per il timbro all’aeroporto iraniano all’arrivo.

Sistemazioni

Le infrastrutture alberghiere sono ancora poco sviluppate rispetto alle richieste, soprattutto nei luoghi più famosi. È necessario quindi prenotare con largo anticipo le sistemazioni. In alcune località meno frequentate si trovano dei semplici alberghi, a volte in tipico stile persiano (materassi adagiati su morbidi tappeti), dove comunque non manca mai la pulizia.

Cucina

La cucina iraniana è molto ricca e varia, vengono utilizzati ingredienti freschi e gustosi per preparare piatti elaborati, che cambiano a seconda delle regioni. Nei ristoranti la scelta è a volte limitata ai piatti più classici come i vari kebab, ma non mancano mai piatti per vegetariani. Da gustare assolutamente la frutta secca, i dolci e i biscotti.

  INDICE DELLA SEZIONE

  VIAGGI A CALENDARIO

Tutti i nostri viaggi in partenza:

Viaggi in partenza

  VIAGGI IN IRAN

  RICHIESTA INFORMAZIONI

Per qualsiasi domanda e curiosità,
compila tutti i campi del form: