loader image

Scuola Shingon (la scuola dei mantra)

A cura di Riccardo Marini di Villafranca

 

MONACO INIZIATORE: Kukai ovvero Kōbō-Daishi (774-835)

DIVINITÁ VENERATA: l’Adhi-Budda Vairocana (Mahavairocana – Dainichi Niorai)

Quest’ultimo in Giappone venne anche identificato, grazie al sincretismo tipico del buddismo di quel periodo, con la dea solare dello shintoismo, Amaterasu.

 

DOTTRINA

Dal punto di vista storico, l’emergere delle scuole di Kukai (Shingon) e di Saicho (Tendai) fu dovuto alla decadenza del buddismo storico/primigenio che offriva come prospettiva l’illuminazione solo al termine di un lunghissimo processo di numerose reincarnazioni. Entrambe le scuole professano un buddismo tantrico/esoterico ed affermano che le relative pratiche possono permettere il conseguimento dell’illuminazione in una sola vita, da parte di chiunque. Mentre la scuola Shingon presenta un buddismo fortemente tantrico, la scuola Tendai lo è in modo moderato. La scuola Shingon classifica i propri insegnamenti in Kengyo e Mikkyo.

Kengyo (insegnamento essoterico = fondato sulle scritture)
Quanto è stato trasmesso dal Budda storico, seppure sia contenuto nelle scritture Mahayana, scritte secoli dopo la sua morte. Le dottrine essoteriche sono, secondo Kūkai, mezzi pratici con cui i Budda cercarono di guidare gli esseri viventi, in base alla loro capacità di comprendere la Verità. Le dottrine esoteriche, invece, sono la Verità stessa Assoluta. I principali insegnamenti essoterici asseriti sono:

  • Vairocana (Dainichi Niorai) é il più importante delle miriadi di Budda divinizzati, che sono considerate sue emanazioni. Ognuno di essi è simboleggiato da una sillaba “seme” e, nel periodo successivo alla morte di un fedele, se ne invoca uno per ogni celebrazione funebre. La scuola Shingon venera in particolare un gruppo di divinità noto come i “Tredici Budda”. Nel gruppo, in realtà, ci sono solo i 5 Dhyani-Budda (o Tathāgata, Nyorai), 7 bodhisattva (Bosatsu) ed il Re della Saggezza Suprema (Myō-ō). Vairocana viene sempre rappresentato al centro dei cinque Dhyani-Budda ed é considerato come presente in ogni fenomeno, di cui non é stato il Creatore. Vairocana é anche uno delle 13 Divinità invocate nelle cerimonie funebri di questa scuola.
  • La natura del Budda Mahavairocana (Dainichi Nioray) è presente in ogni uomo come “seme” dell’illuminazione (Bodhicitta).
  • Kūkai sostenne che tutti i fenomeni del mondo fossero “simboli” o “lettere” e che quindi il mondo stesso fosse un “testo”. Mantramudra e mandala costituiscono il “linguaggio” attraverso il quale il Dharmakāya (cioè la Realtà stessa Assoluta) si esprime.

Benché lo Shingon accetti un gran numero di scritture preesistenti alla sua fondazione, due sutra di carattere tantrico, composti in India fra il VII e l’VIII secolo, hanno particolarmente attirato la sua attenzione:

  • Mahavairocana Sutra: I rituali esoterici illustrati dall’Adi-Budda Vairocana sono spiegati al Budda storico Sakyamuni, che così raggiunge l’illuminazione. Poi quest’ultimo ascende sul monte Sumeru e spiega ai bodhisattva presenti il mandala del Diamante, che diventeranno i Budda trascendenti su di esso illustrati.
  • Vajraśekhara Sūtra: l’Adi-Budda Vairocana presenta, al discepolo Vajrapani ed ai bodhisattva presenti, il concetto di “Vacuità” del mondo sensoriale. La Vacuità delle cose viene definita come “lo stato di fatto” delle cose (Tathagata) e viene spiegato che questa è anche la caratteristica intrinseca (Svabhava) della “Mente illuminata” (Bodhichitta), che coincide con lo stesso Adi-Budda Vairocana. Egli inoltre presenta il mandala del Grembo, quello del “Mistero delle parole” e del “Mistero della Mente”. Poi parla della meditazione sulle lettere dell’alfabeto.

MIkkyo (insegnamento esoterico = fondato sulle pratiche iniziatiche, ermetiche)
Deriva direttamente dal Budda Mahavairocana/Dainichi Niorai (Vairocana), il “Budda cosmico” che è la personificazione della Buddità/Verità Suprema. Esso si concretizza con la pratica d’intonazioni e di recitazioni di sacri testi/frasi, o mantra, l’esecuzione di posizioni/gesti simbolici o mudra, e la contemplazione meditativa di immagini bi-tridimensionali chiamate mandala.

 

PRATICHE RELIGIOSE

Oltre alla lettura e recitazione dei sacri sutra sopra indicati, in questa scuola grande attenzione viene dedicata alle pratiche tantriche/esoteriche. L’obiettivo di quelle svolte dallo Shingon è la realizzazione dell’identità della propria natura con quella di Mahāvairocana. Per ottenere questo scopo servono tecniche e pratiche, incentrate su mantra, mudra e mandala, il cui insegnamento è trasmesso da un maestro personalmente e direttamente ai soli iniziati. Se il praticante è capace di unire parola (mantra), azione (mudra) e visualizzazione meditativa (mandala) può immediatamente giungere all’illuminazione/realizzazione della buddità, e quindi alla liberazione dal karma e dal ciclo delle rinascite. Si tenga presente che ciò può anche non avvenire in un’unica esistenza, ma comunque queste pratiche possono permettere al fedele laico di progredire, ed al novizio di prepararsi alla vita monastica. Vengono anche usate nove lettere sacre, che vengono disegnate nel vuoto con la mano di fronte ai fedeli. Ecco una breve descrizione di mantra, mudra e mandala.

MANTRA
La sillaba man significa “mente, pensiero, atto del pensare, intelletto, respiro, anima vivente” mentre la sillaba tra significa “che libera, che compie, che agisce, che protegge”. Dunque, le due sillabe insieme significano “formula che libera la mente”, oppure “formula che agisce sul pensiero”. In breve, il mantra è una sequenza di parole che, se ripetuta con la pronuncia e specialmente l’attitudine mentale corretta, è in grado di dare più potere alla nostra mente e creare degli effetti tangibili nella vita. Un mantra può essere recitato ad alta voce, sussurrato o anche solo enunciato mentalmente, nel silenzio della meditazione, ma sempre con la corretta intonazione, pena la sua inefficacia. Va inoltre evidenziato che un mantra non lo si può apprendere da un testo o da generiche altre persone, ma viene trasmesso unicamente da un guru, cioè un maestro. Un aspetto importante nell‘enunciazione del mantra è il controllo della respirazione. Nella scuola Shingon i mantra sono redatti in un antico sillabario indiano usato per scrivere il sanscrito, il siddham (in giapponese shittan). Su questi caratteri, oltre che sul loro suono e significato, il praticante deve meditare, poiché la loro forma costituisce una modalità di concentrazione visuale. Di particolare importanza è la meditazione sulla lettera A.

MUDRA
Per giungere all’illuminazione è indispensabile, oltre all’utilizzo di formule sacre o mantra ed alla contemplazione dei mandala, eseguire correttamente le mudra, perché il gesto assume un’importanza capitale nella trasmissione di un insegnamento o di un potere. Per questo motivo le mudra, nella forma rituale, assumono il valore di un sigillo, di un patto o di un contratto che deve unire il fedele ad una specifica divinità. Oltre al significato simbolico, la mudra possiede un vero potere creato dalla posizione e dal contatto delle dita. Questo contatto determina nel corpo e nei suoi sistemi nervosi delle sensazioni che hanno lo scopo di attivare tutto il sistema endocrino e sanguigno. Il Kongokai mandala (“mandala del Diamante”) è formato, come detto sotto, da nove piccoli sotto-mandala. A ciascuno di questi corrisponde una specifica mudra. A ciascuna delle nove mudra corrisponde una divinità centrale, che bisogna conoscere e invocare con il pensiero. Senza questa unità tra la contemplazione di un mandala, l’emissione di un particolare suono o frase ed uno specifico gesto, niente può essere realizzato. Secondo i monaci e gli asceti, tali gesti magici hanno l’immenso potere di esorcizzare i demoni e sono usati a scopo purificatorio e protettivo.

MANDALA
Il mandala in Giappone assunse ad una grande importanza, come se fosse un’“entità vivente” in grado di assicurare l’efficacia delle pratiche esoteriche celebrate in sua presenza. Il termine sanscrito mandala viene spesso tradotto come circolo, mondo, cosmo o ”innesco”. Il mandala giapponese più famoso ed utilizzato si chiama Ryōkai (Ryōgai, Ryoukai) o mandala “dei due Mondi”. Esso si compone infatti di due mandala separati che assieme costituiscono l’oggetto di contemplazione e meditazione del buddismo tantrico giapponese. I due sotto-mandala sono:

  • Kongōkai (Kongokai, Kongoukaio) mandala del Diamante o dei Budda cosmici. Esso è posto sul lato ad est di un monastero e rappresenta l’Adi-Budda Dainichi Nyoray (Vairocana) ovvero la buddità (Thatagata) e viene chiamato così perché materializza la realtà ultima dell’Universo, adamantina e chiara come un cristallo. L’ Adi-Budda Dainichi Nioray occupa il quadrato centrale superiore di una scacchiera di nove, e ”presiede” altri otto quadrati di assemblee di Budda cosmici.
  • Taizōkai (Taizoka, Taizoukaior) o mandala del Grembo o del mondo fenomenico. Esso è posto sul lato ad ovest di un monastero e rappresenta il mondo sensoriale, al centro del quale i cinque Dhyani-Budda siedono circondati da tutte le loro manifestazioni. La maggior parte di esse dimostra compassione o misericordia, ma le cinque manifestazioni direttamente sotto il quadrato centrale sono i cinque Myo-o, emanazioni dirette dei cinque Dhyani-Budda. Essi controllano le quattro direzioni cardinali più il centro. Come già detto, essi sono delle guide terrificanti e senza compromessi che indicano al devoto la determinazione con la quale si deve seguire la via verso l’illuminazione. Tutte le emanazioni dei Dhyani-Budda sono circondate dai loro caratteristici simboli ed altrettanto specifiche mudra che li identificano.

  INDICE DELLA SEZIONE

  VIAGGI A CALENDARIO

Tutti i nostri viaggi in partenza:

Viaggi in partenza

  I VIAGGI DI AMITABA

  RICHIESTA INFORMAZIONI

Per qualsiasi domanda e curiosità,
compila tutti i campi del form: