Il giro del Marocco da Tangeri

Itinerario di 11 giorni

Durata:11 giorni

Sintesi del viaggio

Questo itinerario parte da Tangeri per arrivare al cuore del deserto, passando per Fes, Casablanca e Marrakech.

LE TAPPE

1 Tangeri
2 Chefchaouen
3 Fes
4 Merzouga
5 Boumalne Dades
6 Ouarzazate
7 Marrakech
8 Rabat
9 Tangeri

Presentazione del viaggio

Un viaggio alla scoperta dell’anima del Marocco. Si parte da Tangeri, secondo Tahar Ben Jelloun «una città abituata all’abbandono, che produce eroi stanchi», dal suo famoso Café de Paris da dove osservare i tanti viaggiatori, da Ginsberg a Burroughs, da Bowles a Barthes, che come pellegrini vi sono giunti in cerca di piaceri promiscui, di oblio o di un nuovo inizio – per poi proseguire verso Fes, Casablanca, Marrakech, fino ai sentieri meno battuti, alle piste che si addentrano nel deserto.

Per ogni chiarimento o richiesta, contattateci: amitaba@amitaba.net - tel.: 02 33614196
 

PROGRAMMA DEL VIAGGIO

 

1°g. Si dorme a Tangeri
Visita di Tangeri, la città che fu fenicia, cartaginese, romana, vandala, araba, portoghese e britannica. Si visiterà il Palazzo del Sultano II Dar El Makhzen. All’ingresso della medina si trova l’antica residenza del rappresentante del Sultano. Oggi è un tribunale con un meraviglioso giardino ricco di alberi centenari. Cena e pernottamento.

2°g. Si dorme a Chefchaouen
La giornata è dedicata alla visita di Chefchaouen, la città un tempo ritenuta sacra e perciò vietata agli stranieri. L’atmosfera andalusa e i ritmi tranquilli ne fanno uno dei principali centri turistici del Marocco. Cena e pernottamento.

3°g. Si dorme a Fes
Città fondata nell’808 da un discendente del profeta Maometto, uno “cherif”, vale a dire un signore e un santo. La città vecchia, la medina, è rimasta praticamente immutata dal nono secolo a oggi. È un museo a cielo aperto, dove il tempo sembra essersi fermato. La sua medina, la più grande e famosa di tutto il mondo arabo, è un labirinto di colori, dove si può circolare solo a piedi, e ci sono vie talmente strette che si fatica a passarci in due. Si chiamano “strada di uno solo”. Poi ci sono le meraviglie della civiltà islamica, come la prima università del mondo arabo-islamico, la Karaouine, costruita nell’862 da una ricca donna originaria della città tunisina di Kairouan. C’è la Medersa (madrassa) Bu ‘Inayna (1350), con il suo orologio che conta tredici grandi campane di bronzo, il mausoleo del mullah Idriss, i vari quartieri che prendono il nome di una professione: i conciatori, gli artigiani del rame, i venditori di frutta secca, il Diwan con le sue kissaria (mercati di tessuti e gioielli). Cena e pernottamento.

4°g. Si dorme a Merzouga
Si parte per il Sud. Prima tappa: Ifrane, la Svizzera del Marocco, centro turistico di montagna costruito dai francesi negli Anni ’30. Lungo la strada si incontra anche Azrou, borgo di origine berbera, situato nel cuore di un parco naturale di 53.000 ettari su un altopiano calcareo delimitato da foreste di cedri e lecci, abitate da scimmie. Si prenderà poi la strada che si arrampica sul Medio Atlante fino alla cittadina di Midelt, proseguendo giù giù, fino ad arrivare ad Er-Rachidia, nella provincia del sud. Si arriva quindi a Rissani, la porta del deserto e da qui a Merzouga nel tardo pomeriggio. Prima del tramonto si potrà fare una splendida passeggiata sulle vicine dune dell’Erg Chebbi.

5°g. Si dorme a Merzouga 
Dopo la colazione si prenderà il 4×4 per un tour fino ai giacimenti di fossili, conchiglie e molluschi, tracce del mare che 10 milioni di anni fa ricopriva il deserto. Si passa poi per il piccolo ed antico villagio di Tissrdmin dove sono stati girati molti film, prendendo la strada che un tempo era il tracciato della Parigi – Dakar. Si fa tappa anche al villaggio di Kamlia, famoso per i suoi abitanti provenienti dall’Africa nera e per la musica gnaua. Da qui ci si dirige al lago Dayet Srji con i suoi fenicotteri rosa. Si tornerà poi all’hotel per rilassarsi prima di prendere i dromedari per la traversata delle dune: un’ora e mezza circa per raggiungere le tende berbere, giusto in tempo per ammirare il tramonto. Si passa la notte qui, dopo la cena, e di fronte allo spettacolo delle stelle.

6°g. Si dorme a Boumalne Dadès
Sveglia di buon’ora per vedere il sole che fa capolino tra le dune di sabbia, si rientra in albergo, sempre a dorso di dromedario e da qui, dopo la doccia e la colazione, riparte il tour nel Sud, in direzione delle spettacolari gole del Todra, dove è stato girato il film Lawrence d’Arabia. Qui si farà anche la sosta per il pranzo. Si prosegue per Boumalne Dadès da dove inizia l’omonima valle lunga 25 km che arriva fino alle gole. Lungo questa valle è tutto un succedersi di ksour, nel cuore di campi coltivati e frutteti. Pernottamento e cena.

7°g. Si dorme a Ouarzazate
Dopo la colazione si prosegue per la Valle delle rose, facendo la strada delle mille kasba, le costruzioni tipiche del sud del Marocco. Si farà una sosta nella città principale di questa valle, El-Kalaa M’Gouna, famosa appunto per la fioritura della rosa damascena da cui si ottengono oli e prodotti di bellezza. Ci si dirige a Skoura per visitare le kasba di questa zona e fare una sosta per il pranzo. Si prosege per Ouarzazate, per visitare gli studi cinematografici più grandi e famosi di tutta l’Africa, gli Atlas Studios, dove sono stati girati film come il Gladiatore e Babel, Gesù di Nazareth e il The nel deserto. Si fa tappa anche alla kasbah di Taourirt sempre a Ouarzazate. Si prosegue per Ait Benhaddou, dichiarata patrimonio mondiale dall’UNESCO. Dopo la cena è previsto il pernottamento in riad.

8°g. Si dorme a Marrakech
Da Ouarzazate ci si dirige a Marrakech. Capitale del Sud, città rosso-ocra, porta del deserto e soprattutto immenso cantiere turistico, Marrakech sa stupire chi si lascia affascinare dai suoi odori e colori. Marrakech è il luogo dei sette santi, tutti guardiani dell’anima della città e rappresentanti della ricerca della spiritualità. La luce abbaglia e cambia in continuazione, disegnando l’orizzonte. C’è la piazza Jama’a el-Fna, luogo classificato dall’Unesco patrimonio dell’umanità non per la sua bellezza architettonica o per l’impianto urbanistico, per le cose che vi accadono. Quasi una sorta di corte dei miracoli, immortalata da Alfred Hitchcock nel film L’uomo che sapeva troppo, e descritta dal premio Nobel per la letteratura Elias Canetti nel libro Le voci di Marrakech.

9°g. Si dorme a Rabat
Lasciata Marrakech, si parte alla volta di Casablanca,  la capitale economica del Paese, la città più occidentale. Si farà visita alla Moschea, l’unica del Marocco aperta ai non musulmani, al centro della città con i suoi quartieri in stile Liberty. Da lì, si prosegue verso Rabat, la capitale, la città dove l’architettura coloniale è di qualità. Si vedranno i giardini degli Oudaya, poi Chellah, e la Torre Hassan.

10°g. Si dorme a Tangeri
Partenza da Rabat verso Meknes, la più piccola delle città imperiali. La visita di questa città inizierà varcando Bab Mansour, la più importante e notevole tra le porte di Meknes. Da qui si va al Mausoleo di Moulay Ismail, dove è necessario un abbigliamento adeguato. Visita ai granai Hri Moulay Ismail; questo deposito per il grano è il monumento più importante della città imperiale, costruito con muri di argilla battuta mescolata con sassi e paglia (pisé). Si entrerà poi nel cuore della medina attraversando la piazza El-Hedim visitandone il mercato e i suq. Di sera, ci si sposta a Tangeri.

11°g. Il rientro
Colazione e trasferimento in aeroporto secondo l’orario del volo di rientro, assistenza durante le formalità d’imbarco.

 

Informazioni e iscrizione

Per qualsiasi domanda e curiosità sui viaggi contattaci, siamo a tua disposizione

Contattaci

L’iscrizione e la partecipazione al viaggio è regolata dalle Condizioni Generali di Partecipazione; la quota include la polizza "Assistenza sanitaria, rimborso spese mediche e danneggiamento bagaglio" fornita da Europ Assistance, la polizza “Viaggi Rischio Zero” di UnipolSai Assicurazioni e la polizza "Filodiretto Protection" fornita da Nobis Compagnia di Assicurazioni. Le normative (Condizioni Generali e polizze assicurative) sono visibili nel sito di Amitaba e presso il nostro ufficio.

Amitaba S.r.l. è un operatore turistico legalmente costituito con sede in viale Ca’ Granda, 29 a Milano, iscritto al Registro Imprese della Camera di Commercio di Lecco col numero 313373, REA numero 1623197, partita IVA 13152290154. È autorizzato a svolgere la propria attività con licenza rilasciata con il decreto della Provincia di Milano numero 67762/00 del 30/10/2000. Amitaba S.r.l. ha stipulato ai sensi dell’art. 50 del Codice del Turismo (D.lgs 79/2011) una polizza per la Responsabilità Civile Professionale con la UnipolSai Assicurazioni n. 100073953 per un massimale di € 2.065.000,00.