India Himalaia: Ladakh e Rupshu, note generali

Sintesi del viaggio

Arrivare in Ladakh e Rupshu

Per arrivare a Leh, la capitale del Ladakh, si può utilizzare l’aereo o percorrere una delle due strade costruite dai militari indiani, che sono aperte al traffico da maggio / giugno ad ottobre, in funzione della caduta nevosa; delle due, quella proveniente dal Kashmir ad ovest è meno utilizzata a causa dei molti anni di guerriglia islamica che hanno infestato la regione tra Srinagar e Kargil. La traversata che proviene da sud è piuttosto lunga, ma ripaga ampiamente l’investimento di tempo e disagio perché transita in territori di straordinaria bellezza.

All’interno del Ladakh le strade sono aperte anche durante l’inverno, mentre non lo sono sempre i pochi tragitti che conducono nelle regioni più alte del Rupshu.

Presentazione del viaggio

Presentazione

Ogni percorso che possiamo fare nelle regioni del Ladakh e del Rupshu sarà sempre stupendo! Questo vasto ambiente naturale preserva un mondo sorto attorno all’ampia valle formata dall’Indo a nord dell’Himalaia indiano, tra monti che si stagliano oltre i 6000 metri. In un ambiente semidesertico, dall’aria tersa, oasi e villaggi ornati da stupendi monasteri sono il fulcro di una civiltà buddista che è riuscita a popolare un territorio solcato da gole e profonde valli e si è spinta fino agli altopiani sconfinati, ornati da laghi turchesi, dove risiedono i nomadi. È una delle aree in assoluto più belle al mondo, dove l’incontro più affascinante va oltre l’incomparabile bellezza dei luoghi, nel contatto con persone animate da un profondo sorriso che sorge da uno spirito sereno.

La maggior parte dei visitatori arriva a Leh in volo. L’unica difficoltà di questo ingresso è l’esposizione immediata all’alta quota (3500 mt), ma ci sono degli accorgimenti che possono attenuarne l’effetto, iniziando con il passare la prima giornata in tranquillo relax ed esercitando il corpo in modo graduale. Si possono anche utilizzare dei farmaci per prevenire i sintomi peggiori, avendo però l’accortezza di verificare bene le terapie con il proprio medico. Per indicazioni di natura tecnica consultare la pagina Viaggiare nell'Himalaia indiano.

Per una descrizione del percorso dalle pianure gangetiche alla valle dell’Indo si possono consultare i programmi riportati nelle altre pagine di questa sezione, mentre per le informazioni di carattere generale si consiglia di consultare anche la pagina Ladakh e Rupshu.

Informazioni e iscrizione

Per qualsiasi domanda e curiosità sui viaggi contattaci, siamo a tua disposizione

Contattaci

L’iscrizione e la partecipazione al viaggio è regolata dalle Condizioni Generali di Partecipazione; la quota include la polizza "Assistenza sanitaria, rimborso spese mediche e danneggiamento bagaglio" fornita da Europ Assistance, la polizza “Viaggi Rischio Zero” di UnipolSai Assicurazioni e la polizza "Filodiretto Protection" fornita da Nobis Compagnia di Assicurazioni. Le normative (Condizioni Generali e polizze assicurative) sono visibili nel sito di Amitaba e presso il nostro ufficio.

Amitaba S.r.l. è un operatore turistico legalmente costituito con sede in viale Ca’ Granda, 29 a Milano, iscritto al Registro Imprese della Camera di Commercio di Lecco col numero 313373, REA numero 1623197, partita IVA 13152290154. È autorizzato a svolgere la propria attività con licenza rilasciata con il decreto della Provincia di Milano numero 67762/00 del 30/10/2000. Amitaba S.r.l. ha stipulato ai sensi dell’art. 50 del Codice del Turismo (D.lgs 79/2011) una polizza per la Responsabilità Civile Professionale con la UnipolSai Assicurazioni n. 100073953 per un massimale di € 2.065.000,00.